Una sorpresa tra le vetrine di Roma

salumi primo pianoUn anonimo sabato di shopping romano si trasforma in un momento di scoperta gastronomica davvero fuori dal comune. Dopo essermi generosamente concessa acquisti anche un po’ al di sopra della mia portata, eh sì, a volte capita, stavo già per perdere il buon umore e scivolare nel senso di colpa per i pacchi che mi portavo dietro. A riportarmi al presente, però, ci ha pensato mio marito, che ha posto l’accento su “dove mangiamo oggi?” e così ci siamo ritrovati a girare un po’ senza stimoli in zona Piazza Fiume in cerca di un posto diverso dai soliti.formaggi

Passando in via Bergamo noto un locale nuovo, ma tiro di lungo proseguendo la ricerca. Poi però come se fosse destino, una dopo l’altra le opzioni messe in campo sfumano, perché chiuse o troppo affollate o poco invitanti e così, eccoci nuovamente davanti a ProLoco Pinciano, ristorante tutto da scoprire.focaccia Il clima incredibilmente mite di questo novembre ci concede un pranzo all’aperto e il primo impatto con il personale è piacevolissimo. Giulia, occhi brillanti, riccioli neri, con fare gentile ci porge il menu e ci svela dove siamo capitati. Primo pensiero, finalmente una persona competente che fa il suo lavoro con amore. Apparecchiatura semplice, ma non banale, quel tanto di rustico che però lascia trasparire uno studio attento nelle scelte dei piatti, dei bicchieri e anche della carta paglia che funge da tovaglietta. fiorentinaPadrona di casa è Fiorentina Ceres, sguardo fiero, dolcezza misurata, grande solarità e profonda conoscenza della materia, un piacere ascoltarla mentre descrive le specialità regionali. Con lei, Gastone Pierini, volto rassicurante e severo con lo sguardo di chi non ha perso l’entusiasmo per questo lavoro. ProLoco Pinciano è un ristorante che punta tutto sulla qualità dei prodotti laziali, la mia curiosità è massima, non conosco tante specialità laziali, quindi sono contenta di trovarmi qui. Mi guardo intorno, butto l’occhio all’interno e scopro il bancone dei formaggi e dei salumi, una gioia per gli occhi.prosciutti Qui si mangiano e si comprano tutte le specialità laziali, anche quelle meno conosciute e perfino quelle quasi dimenticate come alcuni formaggi.
Al bancone della salumeria, un signore che ho sentito chiamare semplicemente “maestro”, nulla di più appropriato. Conosce tutte le varietà di formaggi e salumi laziali, spiega, prova, racconta con la dedizione di un artigiano che crea un capolavoro.bancone formaggi Siamo lontani dalla veste patinata di Eataly, qui si respira davvero l’amore per una regione che, avendola sotto il naso, ci sfugge nei suoi particolari golosi. Le proposte sono varie, tutte molto originali, dagli antipasti, taglieri di salumi e formaggi, panzanella croccante, ai primi dove non manca un classico della cucina romana, gli spaghettoni cacio e pepe che non potevo non provare: eccellenti, il profumo del pepe fresco e la giusta mantecatura ne fanno un piatto, a mio parere, di ottimo livello.cacio e pepe Non è passato inosservato il tagliere con una discreta varietà di prosciutti e pecorini che mi ha dato la possibilità di ricredermi su alcune mie convinzioni, regalandomi nuovi sapori da inserire tra i preferiti.mortadella Ad accompagnare il tutto una focaccia fatta dal pizzaiolo che impasta farine non raffinate e le lascia lievitare 72 ore per ottenerne una pizza che non ha rivali e che non può essere relegata nelle due categorie solite, romana o napoletana, questa è la pizza di ProLoco Pinciano, punto e basta, un’esperienza che consiglio di provare quanto prima, magari sorseggiando una birra artigianale.pizza margherita
Ma il pranzo non poteva terminare senza una nota dolce, ed ecco, quindi, una sfogliata alla crema che raccontarla non può che sminuirne la poesia. La pasta sfoglia è friabile e si raccorda con la crema in maniera sublime lasciando che il palato parta per un viaggio di assoluto piacere. Da provare anche la pasticceria secca che propone biscottini, quaresimali, crostate raffinatissime. La carta dei vini, neanche a dirlo, spazia sul meglio della produzione laziale e a fine pasto un bicchierino di ratafià è una chicca da provare.millefoglie destrutturato La mia giornata, uscita dal ristorante è stata all’insegna del buonumore, ci sono luoghi, persone, cibi che fanno davvero bene al cuore e all’anima, e questo ristorante di sicuro ne è la prova. Nella mia scala di preferenze da una a cinque zucche, questo Luogo merita il massimo dei voti.
ProLoco Pinciano, Via Bergamo, 18 – Roma

2 pensieri su “Una sorpresa tra le vetrine di Roma

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...